Tutto sul Palio di Sant'Anselmo a Bomarzo

Come si svolge il Palio di Sant'Anselmo

Scritto da Gabriel Antonelli il 07/04/2017 08:53

ATTENZIONE quest'anno in occasione del decennale il programma della manifestazione potrebbe avere delle modifiche. Cercheremo di aggiornare il post man mano che escono ulteriori informazioni e il programma ufficiale della Proloco.

Il Palio di Sant'Anselmo è una corsa a pelo per mezzosangue, che si svolge tutti gli anni il giorno del 25 aprile, in onore del patrono Sant'Anselmo.
A correre sono cinque cavalli e cinque fantini, ognuno a rappresentare uno dei rioni del paese, al meglio dei tre giri di pista.

Fasi della corsa

23 Aprile (quest'anno il via eccezionale il giorno 22) - La tratta 

Il giorno 23 aprile i priori dei cinque rioni scelgono i cinque cavalli che correranno il Palio del 25 aprile.
A partire dalle ore 15,00 i cavalli vengono visionati tramite delle batterie sui tre giri di pista, e poi scelti dai cinque priori sentito anche il parere di idoneità dei veterinari incaricati.
Alle ore 18,00 i cavalli selezionati vengono quindi portati in Piazza della Repubblica, dove alla presenza del Sindaco verranno sorteggiati per l'assegnazione a ciascun rione. (La monta di ciascun cavallo, l'accoppiata quindi cavallo/fantino rimane la stessa delle batterie della tratta).

24 Aprile - Sorteggio ordine d'ingresso ai canapi

Il 24 Aprile, al termine della tradizionale processione per il Santo Patrono, il Sindaco, il Presidente della Pro Loco e i Priori dei cinque rioni sorteggiano l'ordine di ingresso dei cavalli ai canapi. Il sorteggio (più uno di riserva) è fatto in modo tale che i partecipanti non possano saperne l'esito, che sarà sigillato e reso pubblico solo dal mossiere subito prima della corsa.

25 Aprile - La corsa del Palio

Alle ore 18 circa, il Corteo Storico arriva alla pista del Fossatello dove, dopo alcune esibizioni di sbandieratori e spadaccini, prende via la corsa vera e propria. Il mossiere procede ad aprire la busta sigillata con l'ordine d'ingresso dei cavalli ai canapi, e dirige l'ingresso dei cavalli per la partenza ("la mossa"). In seguito alla mossa ritenuta valida dal mossiere, vince il cavallo che per primo percorre (anche scosso) i tre giri di pista.

webmaster

Gabriel Antonelli

Sviluppatore web e web designer nato a Viterbo, ma ormai bomarzese di adozione da tanti anni , si è innamorato prima del paese e poi della sua festa

Lascia un commento